Geolocalizzazione e Pmi

giovedì, marzo 27th, 2014

L’era della tecnologica non intende arrestare la sua corsa, il mondo è sempre più digitale e la sua presenza si fa sentire, soprattutto con lo sviluppo del mobile.

Nel 2011 si contavano già più di 2 miliardi di utenti digitali, più del 90% della popolazione mondiale utilizzava reti mobili. La vita dell’uomo era già in procinto di un’evoluzione digitale.

Perché il mobile è entrato così prepotentemente nella vita di ognuno di noi?
Si sente la necessità di avere le notizie in tempo reale, di trovare le soluzione in pochi istanti in qualunque luogo ci si trovi. E con il mobile questo è possibile.

In Italia sono attivi più circa 50 milioni di telefoni cellulari, la maggior parte smartphone e sono proprio questi ad attrarre le maggiori attenzioni da parte degli utenti perché grazie ad essi possono accedere al web ed ai servizi offerti per poter dare una risposta ai loro quesiti o semplicemente per divertimento. Tra i servizi maggiormente utilizzati troviamo quelli Location-based services (Lbs), o più semplicemente servizi di geolocalizzazione.

Alcune ricerche condotte dal Politecnico di Milano affermano che si sta assistendo ad una vera mobile revolution: la comunicazione condotta via wireless sta cambiando notevolmente il comportamento di ogni singola persona che ne fa uso.

Perché un utente fa check-in in un determinato luogo pur sapendo che in quel modo tutti sapranno dove si trova?
Ricordiamo che ogni persona fa molta attenzione alle informazioni riservate ma, come per magica, all’interno dei social media tutta questa riservatezza tende a sparire, lasciando il posto alla voglia di creare engagement. Ed è proprio questo il motivo per il quale le App di geolocalizzazione stanno letteralmente spopolando sul web.

L’enorme successo degli smartphone e dei tablets ha dato il via alla nascita e crescita delle App, applicazioni che consentono ai dispositivi mobile determinate funzioni, possibili, inoltre, su qualunque strumento si connetta al web.

Il loro mercato sta incrementando sempre più la sua crescita, nell’ultimo anno sono state scaricate più di 1,2 miliardi di App creando un +120% di crescita rispetto al 2012.

Perché questo boom di App?

Il motivo sta nel loro contenuto. Possono avere al loro interno ogni tipo di informazione utile all’azienda e al cliente/utente.

App significa anche Social Media, sono due “realtà” che viaggiano insieme, che interagiscono tra loro per creare un unico grande market.

I social media creano una diffusione simultanea dei contenuti tra le persone di tutto il mondo, andando a sviluppare un livello di comunicazione assolutamente importante: engagement.

Si torna sempre qui, a questa parola che risulta essere fattore fondamentale per un buon sviluppo aziendale online.

Le pmi, come ogni impresa operante nel grande mercato digitale, perché dovrebbero investire nell’online e nel mobile?

Semplicemente per creare un livello di interazione con i propri utenti sempre più elevato perché è da qui che nascerà il vero business.

L’utilizzo del mobile da parte delle aziende può creare nuove strategie pubblicitarie, grazie ai check-in infatti potrà fidelizzare i propri utenti con gadget, promozioni ed attività proximity marketing destinate ad obiettivi commerciali.

L’utente si diverte nel creare relazioni con altri utenti, l’azienda crea il proprio affare.

Un esempio eclatante di check-in ottimali arriva da Foursquare, applicazione mobile che permette all’utente di registrarsi nei determinati luoghi in cui si trova e ricevere in omaggio speciali premi e cariche dalle catene industriali in cui si registrano.

Negli USA, che guidano la corsa verso questa innovazione, un utente che si è registrato per uno specifico numero di volte presso McDonald’s ed ha ricevuto per qualche tempo un pasto omaggio alla settimana, in questo modo l’utente è soddisfatto e continuerà il suo “check-in” e McDonald’s aumenterà la propria visibilità.

Si tratta, in sostanza, di social gaming divertenti che fanno interagire le persone e, allo stesso tempo, le catene commerciali si fanno pubblicità.

  • Aumento della visibilità;
  • Aumento dei clienti presso il proprio punto vendita;
  • Aumento della fedeltà della clientela;

Questi sono i tre maggiori motivi che spingono le pmi e le grandi aziende ad addentrarsi nel mondo mobile, un mondo che sarà sempre più indispensabile per creare il proprio giro d’affari in maniera, perché no, anche divertente.

Blabuzz

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.