Rassegna del San Domenchino Omaggio a Burlamacco. Premiato il pittore del mare Gilberto Piccinini

domenica, febbraio 23rd, 2014

www.gilbertopiccinini.com

Ha compiuto 28 anni la rassegna di arte e letteratura “Omaggio al Burlamacco”, organizzata dalle associazioni culturali “San Domenichino” e “Il Quadrato”. La ma infestazione, patrocinata dall’Apt della Versilia, ha portato alla ribalta scrittori e pittori che si sono ritrovati all’Hotel “Le Dune” di Lido do Camaiore per onorare con le loro opere la prima sfilata del 2014.  – scrivono gli organizzatori – che ha riproposto il suo messaggio artistico-culturale con presenze di rilievo giunte da tutta Italia; hanno fatto da cornice alla manifestazione quattro artiste con maschere in costume rinascimentale creando un’atmosfera di colore, di simpatia e di cordialità che ha entusiasmato tutti i presenti. L’intera giornata presentata dal gallerista Bruno Cosignani ha avuto inizio con la lettura e il commento critico delle opere da parte del Prof.Manrico Testi. Nutrita la sezione liriche e racconti sul Carnevale anche in vernacolo viareggino, molto apprezzate dal pubblico. Al pranzo degli artisti è seguita la cerimonia di premiazione aperta dal gallerista Bruno Cosignani che ha portato i saluti dell’organizzazione. I premi consistevano in trofei, targhe, medaglie e diplomi d’onore. Premi per la letteratura (poesia, narrativa, saggistica, opere edite e inedite) e premi per la pittura. Fra gli artisti premiati nella sezione pittura il pittore del mare Gilberto Piccinini che ha presentato per l’occasione i suoi ultimi lavori ad olio.

Mare, forza sempre in moto come le instancabili sinapsi in tumultuoso fermento. Un parallelismo che pensiamo anche nell’artista Gilberto Piccinini e insieme l’anelito ad una barriera, punto oltre il quale deve l’irruenza arrestarsi. In “Utopia” la massa d’acqua è in prossimità della riva impeto smorzato in trinettature ma pur sempre dinamismo che smuove nel fruitore stati d’animo vibranti avventurose immersioni. Batte l’onda alla roccia dalle tonalità spente, brunita dove la luce si sfoca, è baluardo quasi contemplativo, e la vita potrebbe sostare nelle dimore solitarie o allineate come frati in orazione terrena e celestiale. Ed il cromatismo del mare, nella resa di giochi chiari e di colore più compatto, rimbalza nel cielo dove si assemblano squarci bitonali, giammai volti ed accensioni. Forza artistica la creatività di questo pittore, al pennello non è venuto meno il sentimento. E quel che rileviamo è l’utopia di una vita in simbiosi con la natura nella bellezza silente della sua potenza e quasi sacralità

Antonietta Benagiano
 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.