Le utenti scelgono Piano B o contraccezione di scorta.

venerdì, novembre 22nd, 2013

Nei ultimi due mesi il portale mettiche.it ha lanciato una survey per chiedere alle utenti come vogliono "ribattezzare" quel tipo di contraccezione che i medici e i tecnici di settore chiamano d’emergenza, ma che è più conosciuta con il nome di pillola del giorno dopo o con la sua abbreviazione  pdgd.

Il nome "pillola del giorno dopo" è infatti desueto e inadatto, non solo perché da aprile 2012 è disponibile anche in Italia la formulazione a base di ulipristal acetato (la cosiddetta  dei cinque giorni dopo), che è molto più efficace della tradizionale a base di levonorgestrel, ma anche e soprattutto perché il nome sembra indicare che può essere assunta con comodo dopo il rapporto a rischio di gravidanza indesiderata.

In realtà questo farmaco in entrambe le formulazioni è tanto più efficace quanto prima viene assunto, in quanto il suo obiettivo è quello di posticipare l’ovulazione, impedendo così agli spermatozoi fecondare l’ovulo. Può capitare infatti di avere rapporti a rischio di gravidanza indesiderata, perché si è usato il cosiddetto "coito interrotto", oppure perché il preservativo si è rotto o sfilato, oppure, perché si è scordato di assumere una o più pillole del blister.

Intervistate con una domanda diretta le  6.587 utenti che hanno risposto alla survey hanno scelto il nome di " Piano B", già in uso nei paesi anglosassoni, per il 38% e "contraccezione di scorta" per il 36%.
Questi nomi infatti anche se non richiamano all’urgenza come "pillola del prima possibile", che però ha riscosso solo il 6% dei consensi, rendono più chiaro il concetto di piano alternativo o ruota di scorta, quell’ "aiutino da casa" che ci tranquillizza all’occorrenza, inoltre rafforza l’idea che ci si debba ricorrere ogni qualvolta ce n’è bisogno, ma non come metodo contraccettivo abituale. 
 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.