Aziende Europee in Difficoltà nella Ricerca di Personale Specializzato

venerdì, giugno 29th, 2012

Success Factors, azienda specializzata nella gestione delle risorse umane con particolare attenzione al bilancio delle competenze, ha pubblicato uno studio che mette in evidenza una carenza di personale qualificato che si accentuerà nei prossimi anni.

I dati della ricerca hanno evidenziato una situazione di criticità nei maggiori paesi Europei: nel 2011 aziende tedesche hanno ricercato ma non identificato oltre 90.000 ingegneri e nel Regno Unito il 43% dei managers ha dichiarato di non avere a disposizione risorse umane sufficienti per il raggiungimento degli obiettivi prefissati dalla propria azienda.

Complessivamente si prevede che per il 2030 la domanda di lavoratori dipendenti specializzati sarà di 45 milioni – domanda che rimarrà disattesa stando agli attuali tassi di sviluppo demografici.

Nei prossimi 10 anni in Italia e Germania l’età media dei lavoratori s’innalzerà a 47 anni, in Francia ogni anno oltre 600.000 lavoratori vanno in pensione portando con se know how ed esperienza senza trasmetterla alle nuove generazioni: negli Stati Uniti l’aumento dei lavoratori che supera i 55 anni di età aumenterà considerevolmente a fronte di un incremento della forza lavoro di appena il 3.5%.

Una soluzione al problema delle risorse umane nella guerra dei talenti è rappresentato dal bilancio delle competenze attraverso cui valorizzare le risorse umane presenti in azienda attraverso una riqualificazione che consente di innalzare le competenze e fidelizzare dipendenti a cui vengono affidati nuovi ed importanti attività.

Le aziende dovranno confrontare la loro situazione con quella della concorrenza, e sviluppare una strategia di potenziamento del proprio know how con una valutazione delle risorse umane facendo sostenere dei test attitudinali e di benchmarking per capire come migliorare e su quali aree intervenire sull’orientamento che è indispensabile per creare una strategia vincente nella gestione dei talenti.

Fonte: enewspr.it

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.