La modernità è di casa con Irobot Roomba

martedì, maggio 29th, 2012

Gli ultimi nati in casa Irobot sono due robot aspirapolvere, il Roomba 780 e il Roomba 770.
Grazie alle continue ricerche sul sistema di automazione delle macchine per pulire i pavimenti, che effettua l’azienda Irobot, sono oggi disponibili sul mercato due nuovi robot che migliorano ancora di più i già elevati standard di qualità dei robot Irobot. I due Roomba rappresentano l’evoluzione dei robot aspirapolvere ed utilizzano ancora più tecnologia dei modelli che li hanno preceduti.
Il principio di base, però, resta sempre lo stesso, ovvero la volontà da parte dell’azienda Irobot di creare strumenti sofisticati ma al tempo stesso molto facili da utilizzare che possano aiutare le persone nella vita di tutti i giorni, ed in particolare, nella pulizia della loro casa.
Sono ormai più di 20 anni che l’Irobot investe nell’innovazione proprio con l’obbiettivo di fornire ai clienti finali un prodotto all’avanguardia, che permette di eliminare definitivamente strumenti vecchi quali la scopa, lo straccio, il secchio e l’aspirapolvere.
Oggi, la nuova dimensione delle pulizie, prevede che non siano più le persone a faticare, ma bensì i robot, programmati proprio con questo scopo.
Sia Roomba 780 che Roomba 770 sono piccoli oggetti, comodi da conservare e facili da maneggiare che racchiudono al loro interno tutto quello che serve per poter lavorare in completa autonomia per la pulizia dei pavimenti. Possono pulire ogni tipo di pavimento, anzi sanno riconoscere i vari tipi di materiale per poter impostare la migliore pulizia per ciascuno.
Sono macchine dotate di sensori, sono quindi in grado di muoversi da sole nell’ambiente che devono pulire e riescono ad evitare i mobili e gli oggetti che trovano sul loro cammino, senza mai bloccarsi e senza rischiare di rovinarli. Evitano anche di cadere dagli scalini, perché sono in grado di registrare la loro presenza.
Entrambi i modelli Roomba vengono venduti con un accessorio, il Virtual wall, che consente di circoscrivere l’area nella quale il robot dovrà muoversi. Il Roomba 780 include addirittura due muri virtuali, per dare al cliente la possibilità di essere ancora più flessibile, rispetto alla scelta dello spazio da pulire.
Per raccogliere polvere, peli di animali e altro tipo di sporco i robot utilizzano spazzole di vario tipo, ciascuna delle quali è appositamente studiata per compiere una specifica funzione. Le spazzole frontali, per esempio, servono a permettere al robot di raccogliere lo sporco anche nei punti più difficili della casa, come gli angoli. Grazie alle loro dimensioni ridotte i robot Roomba si infilano anche negli spazi più stretti, garantendo una pulizia a regola d’arte in ogni angolo della casa.
I robot Roomba possono passare senza alcun problema anche sui tappeti, perché riconoscono la superficie e la puliscono con estrema delicatezza, bloccando le spazzole. Un’altra sorprendente caratteristica è quella per cui i robot passano più volte su una zona particolarmente sporca, per eliminare alla perfezione qualunque traccia.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.